Anna Wintour condivide i suoi momenti preferiti della Parigi Fashion Week

Con la settimana della moda di Parigi si conclude un periodo pieno di spettacoli nelle più importanti capitali della moda come New York, Londra, Milano e Parigi. Ci sono state un sacco di novità e molte superstar hanno partecipato. Ma ora è il momento di avere dei feedback al riguardo. E chi meglio di Anna Wintour può darceli?
Dal 1988 lei è il capo redattore della rivista americana “Vogue” e spesso è considerata una delle donne più influenti nel settore della moda.
In un video sul canale ufficiale Youtube di Vogue, pubblicato pochi giorni fa, Anna Wintour ha condiviso le sue opinioni riguardo la Paris Fashion Week.
Dice che alla settimana della moda francese erano presenti nuovi designer, molto talentuosi e che diventeranno sempre più importanti per le case di moda. Secondo il parere di Anna Wintour , la designer italiana di Dior Maria Grazia Chiuri è stata la migliore. La collezione invernale per Dior era pieno di colori e questo le è piaciuto molto.

Cattura 3
H / T:Vogue

Un altro momento importante per Anna Wintour è stata la sfilata di moda di Chanel. lei afferma, che il luogo di questa sfilata è stato molto bello e originale. Questa sfilata si è tenuta infatti nel mezzo della natura, tra gli alberi. Dice anche, che non solo in questa collezione, ma anche in altri c'era più morbidezza e alla Paris Fashion Week, le donne hanno mostrato più , femminilità. E ha trovato ciò adorabile.

Cattura 4
H / T:Vogue

Alla fine del video, ha aggiunto, che al giorno d'oggi la moda risponde , cambiamenti politici e sociali nel mondo e lo fa in modi diversi.

Sommario
Anna Wintour condivide i suoi momenti preferiti della Parigi Fashion Week
Titolo
Anna Wintour condivide i suoi momenti preferiti della Parigi Fashion Week
Descrizione

Con la settimana della moda di Parigi si conclude un periodo pieno di spettacoli nelle più importanti capitali della moda come New York, Londra, Milano e Parigi. Ci sono state un sacco di novità e molte superstar hanno partecipato. Ma ora è il momento di avere dei feedback al riguardo. E chi meglio di Anna Wintour può darceli? Dal 1988 ist sie die Chefredakteurin der amerikanischen Ausgabe "Vogue" e spesso è considerata una delle donne più influenti nel settore della moda.

dettagli

23 pensieri su "Anna Wintour condivide i suoi momenti preferiti della Parigi Fashion Week

  1. Tutto questo dimostra è che le donne non dovrebbero elaborare… A meno che non si tratti di Celine o qualcosa haha.. Tragico

  2. Lol idk perché avrebbe fatto una cosa del genere.. sembra come se fossero che prendono in giro la sua intelligenza o (apparente) mancanza di lì

  3. Mi piace vedere la femminilità sposato con la mascolinità. Io cerco di incarnare che estetico al meglio delle mie capacità.

  4. Per un tale cervello genio quando si tratta di moda, Anna ha notevolmente cattivo gusto quando si tratta di se stessa. Senza offesa, Ti amo ancora Anna

    • Brix Keiffer avete un punto. Ma in questi giorni agism è sulla via d'uscita. La donna matura ha un diverso tipo di bellezza. Non credo che le donne anziane hanno bisogno di fermarsi e di diventare noioso. Non più. Soprattutto non uno come Anna. E come ho detto in precedenza, non è solo un caso di gusto delicato, è straordinariamente male. Ma lei può fare quello che vuole..

    • Sono d'accordo, ma credo che lei sta solo cercando di vestire la sua età?? può essere, lei è più conservatore e noioso e quando si tratta di se stessa causa non c'è davvero molta libertà quando l'abbigliamento da soli a quell'età– questa è solo la mia opinione tho, Io mi ricordo di aver visto le foto di lei quando era più giovane e si vestiva in modo diverso, indossare abiti più corti con grandi giacche e più cose divertenti

  5. Perché Anna Wintour indossare sempre gli occhiali da sole? Sta cercando di incanalare Karl Lagerfeld o fa lei ha problemi agli occhi?

  6. Amore Anna e amato il variegato cast di modelli in questa stagione, ma cerchiamo di non get it twisted. Se inclusività è andato fuori dalla finestra di domani, l'industria della moda sarebbe la prima a seguire l'esempio. Per natura la moda è volubile e cliquey.

  7. Nuova stagione così una nuova narrazione deve essere sognato….quest'anno lascia lo chiamano il ‘inclusività’ collezioni a tema. Non che sia veramente importante ma la stampa ha bisogno di una storia e di carta mai rifiutato di inchiostro.

lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *